Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Militari turchi nelle zone curde vicino alla frontiera con l'Iraq

Keystone/AP/IBRAHIM USTA

(sda-ats)

Sono almeno 6.320 gli edifici distrutti dalla scorsa estate durante le operazioni militari in Turchia contro il Pkk, condotte dall'esercito nelle località sudorientali a maggioranza curda di Sur (centro storico di Diyarbakir), Silopi, Cizre, Idil e Yukeskova.

Lo ha dichiarato oggi il vicepremier e portavoce del governo di Ankara, Numan Kurtulmus, spiegando che "in termini di appartamenti" si tratta di circa 11 mila unità distrutte.

La stima dei danni da parte dei tecnici governativi è tuttavia ancora in corso, come del resto le operazioni militari nel sud-est. I costi stimati per la ricostruzione ammontano già a 855 milioni di lire turche (circa 260 milioni di euro).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS