Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La polizia turca ha arrestato 24 persone per il disastro nella miniera di Soma, dove sono morte 301 persone. Tra gli arrestati ci sono anche dirigenti della società che gestisce la miniera di carbone nell'ovest della Turchia. Lo riferiscono media locali.

I soccorritori hanno completato il loro lavoro ieri dopo aver recuperato i corpi delle ultime vittime del disastro minerario, il più grave disastro industriale nella storia del paese. Decine di procuratori sono stati assegnati al caso per studiare l'incendio e l'esplosione nella miniera - causata, si ritiene, da un guasto elettrico.

La compagnia Soma Komur Isletmeleri è accusata di aver privilegiato la redditività a scapito della sicurezza dei propri dipendenti, ma nega con forza qualsiasi negligenza. Il manager operativo della società, Akin Celik, è uno dei cinque sospetti, di cui i procuratori inviati dal tribunale, hanno chiesto l'arresto, riferisce l'emittente televisivo NTV.

SDA-ATS