Navigation

Turchia: arrestati 15 presunti membri di al-Qaida

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 luglio 2011 - 21:14
(Keystone-ATS)

La polizia turca ha arrestato in due giorni 15 persone sospettate di far parte di cellule di al-Qaida, tra cui un individuo che stava per compiere un attentato. Lo ha reso noto il ministero dell'interno in un comunicato.

Il presunto attentatore, in particolare, è stato arrestato nella periferia della capitale Ankara. Sono state anche sequestrate "numerose armi e munizioni, assieme a documenti" dell'organizzazione terroristica islamica. Oltre che ad Ankara, arresti sono stati compiuti anche a Bursa e a Yalova, nel nord-ovest della Turchia.

Gli arresti negli ambienti dei militanti islamici in Turchia sono frequenti. Ad una cellula di al-Qaida vengono attribuiti gli attentati compiuti nel novembre 2003 a Istanbul contro due sinagoghe, il consolato britannico e la banca britannica Hsbc causando 63 morti tra cui un console britannico.

L'anno scorso il numero due di al-Qaida, l'egiziano Ayman al-Zawahri, aveva minacciato la Turchia nel momento in cui il paese si apprestava ad assumere il comando delle forze Nato in Afghanistan.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?