Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un custode è rimasto ucciso stamani da un colpo di mortaio caduto nel giardino di una scuola media a Kilis, nel sudest della Turchia, sparato da poco oltre il confine con la Siria.

Lo riferisce l'ufficio del governatore locale, secondo cui una studentessa è rimasta ferita.

I colpi di mortaio sparati dal lato siriano del confine, distante circa otto chilometri, sono stati almeno tre. Uno di questi è caduto nella scuola Eyup Gokceimam, mentre gli altri due in zone disabitate. Le altre scuole di Kilis sono state chiuse per motivi precauzionali.

L'area di Azaz, da cui sono partiti i colpi, rientra nei circa 100 km di territorio alla frontiera turcosiriana in cui è presente l'autoproclamato Stato islamico (Isis). Secondo quanto riportano i media locali, nei giorni scorsi gli scontri nella zona sono aumentati.

Dopo l'attacco kamikaze che martedì a Istanbul ha ucciso dieci turisti tedeschi, l'artiglieria turca ha bombardato postazioni dello Stato islamico intorno a Manbij, la città di origine dell'attentatore suicida Nabil Fadli, che si trova nella stessa fascia di territorio nel nord della Siria.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS