Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ANKARA - Nonostante il voto con cui la Commissione Esteri del Congresso Usa ieri ha definito "genocidio" i massacri di armeni ai tempi dell'impero ottomano, Ankara continuerà nel processo di normalizzazione dei rapporti avviato con Ierevan. Lo ha detto oggi - riferisce la Ntv - il ministro degli Esteri turco Ahmet Davutoglu riferendosi ai protocolli firmati fra Turchia e Armenia lo scorso ottobre a Zurigo.
"Ieri a Washington è stata processata una vicenda storica", ha detto Davutoglu parlando ad una conferenza stampa. "E vogliamo attirare l'attenzione sul procedimento della votazione piuttosto che sul suo risultato", ha aggiunto il ministro in evidente polemica con il comportamento - giudicato "irregolare" - del capo della Commissione esteri del Congresso, il democratico Howard Berman. "E' per questo - ha spiegato Davutoglu - che abbiamo richiamato il nostro ambasciatore a Washington e convocato l'ambasciatore Usa al nostro ministero".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS