Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Manifestanti portano uno striscione raffigurante il leader del Pkk curdo, Abdullah 'Apo' Ocalan, detenuto dal 1999 nell'isola-prigione di Imrali (foto d'archivio).

Keystone/EPA/WAEL HAMZEH

(sda-ats)

Prima visita da oltre 500 giorni per una delegazione proveniente dalla Turchia al leader del Pkk curdo, Abdullah 'Apo' Ocalan, detenuto dal 1999 nell'isola-prigione di Imrali.

A compierla, dopo l'autorizzazione concessa dal governo di Ankara in occasione della festa islamica del Sacrificio, è stato il fratello di 'Apo', Mehmet, che non lo vedeva dall'ottobre 2014. Ad accompagnarlo, il legale Mazlum Dinc.

L'ultima visita 'interna' a Ocalan, compiuta da un gruppo di esponenti del partito filo-curdo Hdp, risaliva al 5 aprile 2015. Ankara aveva poi reso noto di aver permesso nell'aprile scorso una visita di 3 membri della Commissione per la prevenzione della tortura del Consiglio d'Europa.

Lunedì, 50 politici curdi avevano avviato uno sciopero della fame per chiedere che venisse concesso a familiari, avvocati e delegazioni politiche di incontrare Ocalan, anche alla luce di timori per le sue condizioni di salute e di sicurezza.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS