Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente islamico turco Recep Tayyip Erdogan in un comizio a Bingol a quattro giorni dalle cruciali politiche di domenica se l'è presa con giornalisti, gay e armeni, che ha definito "rappresentanti della sedizione", schierati con il partito curdo Hdp.

Lo riferisce Hurriyet online.

Il risultato del partito dell''Obama curdo' Selahattin Demirtas domenica è considerato decisivo da diversi analisti. Se riuscirà a superare la sbarra del 10% sotto la quale non sarebbe rappresentato in parlamento, il partito islamico Akp di Erdogan potrebbe perdere per la prima volta dal 2002 la maggioranza assoluta necessaria per costituire un governo monocolore.

L'Hdp è oggetto di attacchi quotidiani da parte di Erdogan. A Bingol ha detto che i "principali alleati" del partito di Demirtas sono i giornalisti del gruppo di media Dogan, editore fra l'altro di Hurriyet, "la lobby armena, gli omosessuali e coloro che credono in un alevismo senza Ali": "tutti questi rappresentanti della sedizione, ha affermato, sono i benefattori" del partito di Demirtas. I sondaggi danno l'Hdp in bilico fra il 9 e il 12% delle intenzioni di voto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS