La polizia ha trovato nel consolato saudita a Istanbul le prove che il giornalista dissidente Jamal Khashoggi è stato ucciso lì. Lo ha detto all'agenzia di stampa Ap un funzionario turco di alto livello.

Il funzionario, parlando in condizione di anonimato, non ha fornito dettagli di tali prove, ritrovate al termine di lunga ricerca al consolato, che si è conclusa stamane. Finora Riad ha definito tale accuse "senza basi", ma secondo i media americani i sauditi potrebbero presto riconoscere che Khashoggi sia stato ucciso nel loro consolato di Istanbul, forse al culmine di un interrogatorio sfuggito di mano.

Intanto il New York Times citando fonti vicine a Riad sostiene che il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman "approvò" l'interrogatorio "poi finito male" di Jamal Khashoggi nel Consolato di Istanbul, per il quale aveva disposto un trasferimento forzato in Arabia Saudita.

L'ufficiale di intelligence che ha condotto l'interrogatorio era "un amico del principe". Lo 007 si sarebbe spinto troppo oltre, finendo con l'uccidere il giornalista dissidente, "per dimostrare le sue capacità" in un'operazione segreta.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.