Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Per il secondo anno consecutivo, il Gay Pride di Istanbul non si farà. Le autorità turche lo hanno vietato per "motivi di sicurezza e ordine pubblico". Ma come un anno fa, molti attivisti promettono di sfidare il divieto.

"Negli ultimi 15 anni il Pride è stato sicuro. Io penso che il governo non voglia che le persone marcino per i diritti lgbti", dice all'ANSA Baris Sulu, che nelle elezioni di un anno fa fu il primo candidato apertamente gay a correre per un seggio nel Parlamento turco, nelle liste del partito filo-curdo Hdp.

Negli anni scorsi, il Pride di Istanbul - giunto alla 14/a edizione - era un'occasione di riscatto per la comunità omosessuale di tutto il Medio Oriente, rivaleggiando con la marcia di Tel Aviv.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS