Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ANKARA - Una donna turca di 49 anni, madre di sei figli, è stata condannata da un tribunale della città di Diyarbakir, nel sud-est del Paese a maggioranza curda, a sette anni di carcere per aver innalzato un cartello con una scritta a favore del separatista Partito dei Lavoratori del Kurdista (Pkk), fuorilegge in Turchia.
Lo riferisce il quotidiano filogovernativvo Sabah il quale sottolinea che, per ironia della sorte, la donna - Vesile Tadik - non sapeva nemmeno quello che c'era scritto sul cartello in quanto è analfabeta.
I fatti per cui la donna è stata condannata risalgono a tre mesi fa quando partecipò ad una manifestazione non autorizzata nella città di Siirt contro la chiusura del Partito per una Società Democratica (Dtp), il principale partito filo-curdo del Paese disciolto l'11 dicembre per decisione della Corte Costituzionale perché accusato di connivenza con il Pkk.
L'imputata si è difesa affermando che "nel corso della manifestazione ho camminato insieme alle altre donne. Mi hanno dato quel cartello ed io l'ho portato come facevano anche quelle insieme a me. Ma io non so leggere né scrivere e non so che cosa c'era scritto". Ma l'ammissione di analfabetismo non è servita a nulla ed il giudice l'ha condannata a sette anni di carcere per "propaganda di organizzazione terroristica".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS