Navigation

Turchia: maggioranza dei jihadisti Isis espulsi entro l'anno

Il ministro dell'Interno turco Suleyman Soylu KEYSTONE/AP/BURHAN OZBILICI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 19 novembre 2019 - 16:06
(Keystone-ATS)

La Turchia rimpatrierà entro la fine dell'anno la maggior parte dei foreign fighter dell'Isis detenuti nelle sue prigioni.

Lo ha detto il suo ministro dell'Interno Suleyman Soylu, dopo che la scorsa settimana Ankara ha iniziato nuove espulsioni di jihadisti del Califfato, tra cui una ventina di francesi e tedeschi.

Il governo di Recep Tayyip Erdogan sostiene di voler rimpatriare anche i miliziani che siano stati privati della cittadinanza dai Paesi d'origine.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.