Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il servizio di sicurezza turco Mit avrebbe spiato almeno 300 turchi che vivono in Germania, raccogliendo illegalmente informazioni e foto nei loro confronti.

Lo rivela la Süddeutsche Zeitung, scrivendo che, a margine della Conferenza sulla sicurezza di Monaco dello scorso febbraio, il capo del Mit avrebbe fornito a quello dell'intelligence tedesca Bdn Bruno Kahl una lista con almeno 300 nomi di turchi sospettati di far parte del movimento del predicatore Gulen, che secondo Ankara è dietro il colpo di Stato dell'estate scorsa.

La lista conterrebbe, secondo il quotidiano, anche 200 nomi di associazioni, scuole e asili gestite dal movimento gulenista.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS