Navigation

Turchia: morto dissidente detenuto in sciopero della fame

La morte di Helin Bolek - nella foto i funerali - aveva provocato profonda commozione. KEYSTONE/AP sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 aprile 2020 - 18:45
(Keystone-ATS)

Un altro dissidente legato alla storica band di sinistra Grup Yorum, Mustafa Kocak, è morto oggi in Turchia dopo 297 giorni di sciopero della fame per chiedere la sua scarcerazione e quella degli altri suoi compagni detenuti e denunciare il bando imposto ai concerti.

Lo annuncia il gruppo di legali Ufficio della legge del popolo, sostenendo che il loro cliente non avrebbe avuto un giusto processo. Kocak, 28 ani, era stato condannato all'ergastolo con l'accusa di aver tentato di rovesciare l'ordine costituzionale. L'uomo si era dichiarato innocente e aveva denunciato torture in carcere.

Il suo decesso giunge 21 giorni dopo quello di Helin Bolek, 28enne musicista e attivista del Grup Yorum, la cui drammatica fine aveva suscitato commozione e indignazione in Turchia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.