Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Al centro Hasan Cemal, tra i più noti giornalisti turchi (foto d'archivio).

KEYSTONE/EPA/KERIM OKTEN

(sda-ats)

Un tribunale di Istanbul ha assolto oggi Hasan Cemal, tra i più noti giornalisti turchi, dall'accusa di "propaganda terroristica" a favore del Pkk curdo. Lo riporta Hurriyet.

Cemal, che rischiava fino a 13 anni di prigione, era alla sbarra per un articolo pubblicato nel maggio 2013 in cui ripercorreva le tappe dell'abbandono della Turchia da parte di combattenti del Pkk nell'ambito delle trattative di pace con il governo di Ankara, naufragate definitivamente nell'estate 2015.

Il mese scorso, Cemal era stato condannato a un anno e 3 mesi di carcere, con pena sospesa, per la stessa accusa di "propaganda terroristica" pro-Pkk per un altro articolo. Il giornalista veterano è sotto processo anche per offese al presidente Recep Tayyip Erdogan e per aver partecipato alla campagna di solidarietà con il giornale filo-curdo Ozgur Gundem.

Secondo l'ultimo bollettino dell'osservatorio per la libertà di stampa P24, i reporter attualmente detenuti in Turchia sono 151, la cifra più alta al mondo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS