Navigation

Turchia: processo per terrorismo a 205 oppositori curdi

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 luglio 2012 - 15:00
(Keystone-ATS)

È iniziato a Istanbul oggi il maxi-processo a 205 esponenti curdi accusati di terrorismo per presunti legami con l'Unione delle Comunità Curde (Kck), un movimento ritenuto collegato con il gruppo armato separatista Pkk: fra gli accusati ci sono due noti intellettuali, l'universitaria Busra Ersanlit e l'editore Ragip Zaracoglu, candidato al Premio Nobel per la pace 2012.

Ersanli, in carcere preventivo da otto mesi, rischia una condanna a 15 anni quale presunta responsabile di una organizzazione terrorista. Zaracoglu, rimesso in libertà provvisoria in aprile in seguito a una campagna internazionale in sua difesa, è accusato di avere aiutato una organizzazione terrorista e rischia 10 anni. Dei 205 rinviati a giudizio 140 giungono al processo in detenzione preventiva.

Un altro processo per presunti collegamenti con il Kck si è aperto in ottobre a Diyarbakir, capitale del Kurdistan turco. Nelle ultime settimane decine di persone sono state arrestate nel quadro di nuove inchieste sul separatismo curdo. Oltre 30 sindaci di città curde e decine di giornalisti sono in carcere preventivo in Turchia nel quadro di procedimenti contro il Kck.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?