Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I Turchi all'estero votano da oggi sul referendum

Keystone/AP/MICHAEL PROBST

(sda-ats)

Inizia oggi il voto dei 3 milioni di elettori turchi all'estero per il referendum costituzionale sul presidenzialismo, voluto da Recep Tayyip Erdogan.

Dopo il duro scontro diplomatico tra Ankara e diversi Paesi europei per i comizi negati ai suoi ministri, le urne si sono aperte stamani in Germania, Austria, Belgio, Francia, Svizzera e Danimarca. Complessivamente, gli emigrati potranno recarsi nei seggi aperti in 120 missioni diplomatiche in 57 Paesi fino al 9 aprile, una settimana prima del voto in patria.

Da stamani, sono in funzione anche le urne predisposte negli aeroporti internazionali Ataturk e Sabiha Gokcen di Istanbul.

Secondo diversi sondaggi, l'esito della consultazione appare incerto e il voto dei turchi all'estero - pari a circa il 5% del totale degli aventi diritto - potrebbe risultare decisivo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS