Navigation

Turchia: Santa Sofia, firmato protocollo per nuova gestione

Le autorità turche hanno firmato stamani il protocollo per la nuova gestione di Santa Sofia KEYSTONE/EPA/ERDEM SAHIN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 luglio 2020 - 11:01
(Keystone-ATS)

Le autorità turche hanno firmato stamani il protocollo per la nuova gestione di Santa Sofia a Istanbul, dopo la conversione da museo in moschea decisa venerdì scorso.

In base al documento, l'amministrazione del culto nell'edificio verrà affidata alla Presidenza per gli affari religiosi (Diyanet), che gestisce le 80mila moschee della Turchia, mentre le attività di protezione del patrimonio artistico e architettonico del monumento simbolo di Istanbul saranno affidate al ministero della Cultura e del Turismo.

"Credo che i visitatori di Santa Sofia aumenteranno, non solo dal nostro Paese ma anche dall'estero", ha dichiarato il responsabile della Diyanet, Ali Erbas. "Nessuno deve dubitare che Santa Sofia verrà tutelata con attenzione", ha aggiunto il ministro della Cultura, Mehmet Nuri Ersoy, assicurando che "sarà aperta ai visitatori locali e stranieri e che l'accesso sarà gratuito".

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.