Navigation

Turchia, se Usa ci sanzionano a rischio loro basi aeree

Un caccia statunitense in fase di decollo dalla base aerea di Incirlik (foto d'archivio) KEYSTONE/AP sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 11 dicembre 2019 - 10:04
(Keystone-ATS)

Se gli Stati Uniti dovessero imporre sanzioni alla Turchia per l'acquisto del sistema missilistico russo di difesa aerea S-400, Ankara potrebbe rimettere in discussione lo status delle basi militari americane strategiche di Incirlik e Kurecik, nel sud del Paese.

Lo ha detto il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu. Le due basi strategiche a rischio sono vicino al confine siriano.

"I membri del Congresso devono capire che non otterranno niente facendo pressioni" sulla Turchia, ha aggiunto Cavusoglu in un'intervista tv.

Incirlik è considerata una delle basi strategiche degli Usa nella regione. Al suo interno sarebbero anche custodite numerose testate nucleari tattiche americane.

La base era già stata al centro di diversi bracci di ferro in passato tra Washington e Ankara, che l'aveva aperta alle operazioni aeree della Coalizioni anti-Isis nel 2015. Kurecik è un'installazione miliare radar impiegata per scopi di difesa aerea.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.