Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il ministro degli esteri turco Mevlut Cavusoglu (foto d'archivio).

KEYSTONE/AP/ALI UNAL

(sda-ats)

Se i cittadini turchi non saranno esentati dal visto per entrare nell'Unione europea entro il prossimo mese di ottobre, la Turchia non riconoscerà più la convenzione con Bruxelles sui rifugiati, firmata lo scorso 18 marzo.

È l'avvertimento del ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu contenuto in una intervista al giornale tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung (Faz).

Secondo il capo della diplomazia turca, la convenzione sui rifugiati "funziona perché la Turchia ha intrapreso misure serissime", compresa la lotta contro i trafficanti di uomini. Ma tutto questo, ammonisce Cavasoglu, "dipende dall'esenzione dei visti per i nostri cittadini, prevista anche dall'accordo del 18 marzo".

Il ministro dice che la sua "non è una minaccia", ma puntualizza: "se non si arriva alla liberalizzazione dei visti dovremo ricusare l'accordo sui rifugiati". Per questo, Ankara si aspetta "un termine fisso", a partire dal quale i turchi non avranno più bisogno del visto per entrare in Ue: "Può essere inizio o metà ottobre, ma ci aspettiamo una data fissa", conclude.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS