Navigation

Turchia: tolta la censura a Wikipedia dopo due anni

L'oscuramento durava da oltre due anni. KEYSTONE/AP/ERIC RISBERG sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 dicembre 2019 - 10:51
(Keystone-ATS)

Dopo oltre due anni e mezzo, Wikipedia non sarà più censurata in Turchia. Lo ha annunciato stamani l'autorità di controllo delle tecnologie informatiche e di comunicazione (Btk).

Ieri la Corte costituzionale di Ankara ha stabilito a maggioranza che il blocco dell'accesso al sito web viola la libertà d'espressione. Lo riporta la Cnn turca.

Il blocco verrà rimosso dopo la pubblicazione delle motivazioni della sentenza da parte della Corte costituzionale, ha precisato l'ente di controllo di internet in Turchia.

La censura è in vigore dal 29 aprile 2017 ed era stata imposta dopo che l'enciclopedia online non aveva ottemperato alla richiesta di rimuovere contenuti ritenuti "offensivi" da Ankara, che in alcune pagine veniva accusata di sostegno a gruppi terroristici.

La misura è stata fortemente condannata in questi anni dai gruppi in difesa della libertà d'espressione. La Turchia censura migliaia di siti web accusati di diffondere materiale illegale, tra cui presunta propaganda terroristica. In passato anche social network come Facebook e Twitter sono stati temporaneamente bloccati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.