Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nuova bacchettata dell'Unione europea nei confronti della Turchia. "Ho espresso seria preoccupazione sulla legislazione adottata che può avere un impatto negativo sull'indipendenza della giustizia, sulla separazione dei poteri e sulla libertà di espressione, incluso l'uso di internet", ha detto il commissario europeo all'allargamento Stefan Fule dopo la 52esima riunione del Consiglio di associazione Ue-Turchia a Lussemburgo.

Fule ha manifestato inoltre "seria preoccupazione" per "le massicce dimissioni che hanno interessato la magistratura, la polizia e l'amministrazione pubblica", per poi "incoraggiare" le autorità di Ankara "ad affrontare qualsiasi accusa di corruzione in maniera trasparente e imparziale", a beneficio della "fiducia pubblica nello Stato e nelle sue istituzioni".

Di qui l'appello del commissario europeo all'allargamento alla Turchia di "lavorare su riforme che garantiscano un sistema di pesi e contrappesi dei poteri, la democrazia, lo Stato di diritto, il rispetto dei diritti fondamentali". "L'Unione europea è pronta ad aumentare il suo impegno con la Turchia in queste aree", ha concluso Fule.

SDA-ATS