Navigation

Turgovia: bloccati diversi ladri in vasta azione di polizia

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 novembre 2014 - 16:24
(Keystone-ATS)

Messe abbondante di criminali, per la polizia turgoviese negli ultimi giorni. A finire in gattabuia, indica una nota odierna delle autorità locali, sono stati alcuni ladri, tra cui un Lituano ricercato in Svizzera e colpito da un mandato di arresto internazionale per vari furti con scasso commessi nella regione di Kreuzlingen, località alla frontiera con la Germania.

La retata è il frutto di un'azione coordinata per contrastare i furti svoltasi su più giorni. Da giovedì a sabato, la polizia turgoviese ha lavorato gomito a gomito con le guardie di confine; sono stati intensificati i controlli alle frontiere in uscita e rafforzate la pattuglie nei quartieri più a rischio.

Lo sforzo è stato ricompensato: venerdì sera, gli agenti hanno arrestato a Landschlacht due malviventi che avevano appena compiuto un colpo in una abitazione privata. Oltre alla refurtiva, sono stati sequestrati anche gli attrezzi del mestiere. Uno dei due arrestati è un Lituano di 36 anni, ricercato per tutta una serie di furti con scasso avvenuti dal 2012 nella zona di Kreulingen. Anche il connazionale di 29 anni è finito in preventiva.

Poco ore dopo questo primo successo, sono finiti nella rete della polizia due Georgiani appena entrati in Svizzera. Nell'auto sono stati trovati vari attrezzi. Entrambi sono finiti in prigione: uno dei due è ricercato per furto con scasso dalle autorità di Friburgo in Brisgovia.

Già giovedì la polizia cantonale aveva bloccato a Kreuzlingen tre Georgiani entrati in Svizzera illegalmente. Il terzetto è sospettato di voler mettere a segno qualche furto: nella loro automobile sono state trovati guanti, diversi attrezzi e numerose paia di scarpe. Dopo una notte passata in cella sono stati espulsi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?