Navigation

Turismo: ottimistiche le previsioni per l'inverno

Il turismo svizzero, che ha alle spalle una stagione estiva con un numero record di pernottamenti, può aspettarsi cifre in progressione anche nella stagione invernale KEYSTONE/MARTIN RUETSCHI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 29 ottobre 2019 - 12:07
(Keystone-ATS)

Il turismo svizzero, che ha alle spalle una stagione estiva con un numero record di pernottamenti, può aspettarsi cifre in progressione anche nella stagione invernale.

Secondo il Centro di ricerca congiunturale del Politecnico di Zurigo (KOF) i pernottamenti nella stagione estiva 2019 sono aumentati del 2,6% su base annua, grazie in particolare alla crescita degli ospiti svizzeri (+3,2%), mentre i pernottamenti dei turisti stranieri sono progrediti del 2,2%.

Anche le previsioni per la prossima stagione invernale puntano verso l'alto: a condizioni meteorologiche medie, il KOF calcola un aumento dei pernottamenti del 2,1% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Ancora una volta i turisti svizzeri dovrebbero fornire impulsi decisivi. I consumi privati nazionali continueranno infatti a svilupparsi in modo massiccio, con effetti positivi per l'industria turistica.

L'indebolimento dell'economia globale e la forza del franco svizzero incideranno probabilmente in misura maggiore sul numero dei pernottamenti degli ospiti stranieri e questa tendenza, secondo il KOF, dovrebbe rafforzarsi sul lungo periodo. In particolare i mercati più lontani, che negli ultimi anni hanno registrato una forte crescita, dovrebbero perdere slancio.

Complessivamente, il KOF stima una crescita dei pernottamenti dell'1,8% per il 2020 e del 2,2% per il 2021.

I grandi beneficiari della ripresa del settore turistico sono state le città. Tra il 2006 e il 2018, il numero di pernottamenti è aumentato del 35%, mentre le regioni alpine hanno praticamente marciato sul posto a causa del vigore del franco svizzero e della forte concorrenza esercitata dall'estero. Uno dei motivi del successo delle città è la crescente importanza del turismo d'affari.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.