Navigation

Tutela del clima: Svizzera al 16esimo rango

Greta Thunberg e altri giovani alla Cop 25 di Madrid (foto simbolica). KEYSTONE/EPA EFE/JUAN CARLOS HIDALGO sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 10 dicembre 2019 - 11:44
(Keystone-ATS)

La Svizzera si piazza al 16esimo rango nella classifica dei Paesi che si impegnano per la tutela del clima. Stando a un rapporto presentato oggi da tre ong alla conferenza ONU sul clima a Madrid, la Confederazione è scesa in un anno di sette posizioni.

Se si guarda più da vicino la classifica, la Svizzera è preceduta da Paesi quali Svezia, Danimarca e Regno Unito, ma anche da Marocco e India. Se si guarda agli Stati confinanti, l'Italia è al 26esimo rango, la Francia 18esima e la Germania 23esima.

Anche quest'anno i primi tre posti non sono stati assegnati, "poiché nessun dei Paesi presi in considerazione si sta adoperando a sufficienza per raggiungere gli obiettivi dell'accordo sul clima di Parigi", scrive in una nota il World Wide Fund for Nature (WWF).

Il punteggio più alto è stato attribuito nell'ordine a Svezia, Danimarca e Marocco. L'ultimo posto in assoluto è andato agli Stati Uniti.

La classifica - realizzata dalle ong Climate Action Network (CAN), New Climate Institute e Germanwatch - tiene conto del cosiddetto Climate Change Performance Index (CCPI), che confronta le prestazioni legate alla protezione del clima di 61 Paesi che complessivamente sono responsabili di oltre il 90% delle emissioni globali di gas a effetto serra.

Il WWF sottolinea nella nota che per quanto riguarda la Svizzera, "la ragione di questo declino è la debole politica climatica". L'obiettivo di ridurre le emissioni interne del 30% tra il 1990 e il 2030 è "del tutto inadeguato e rappresenta una pera dichiarazioni d'intenti".

"La Svizzera dovrebbe almeno raddoppiare le proprie ambizioni per adempiere ai propri obblighi internazionali", - afferma citato nella nota Patrick Hofstetter, esperto di protezione del clima di WWF Svizzera.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.