Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

UBS citata in giudizio in Gran Bretagna: la Decura, una società di amministrazione patrimoniale che collabora con il gigante bancario elvetico, si dice fortemente penalizzata dalla ristrutturazione avviata nel 2012 da UBS che prevede un riduzione delle attività di investment banking.

Stando al "Financial Times", che riferisce di quanto riportato nel primo atto processuale depositato presso il tribunale del commercio di Londra, la Decura prevedeva che la cooperazione attraverso una joint venture comune avrebbe fruttato circa 200 milioni di dollari all'anno. Così non è però stato. Ora chiede che l'accordo di collaborazione esclusivo venga revocato e che UBS rilevi per 100 milioni di dollari la quota della controparte nella joint venture.

Nel suo documento di difesa, pure citato dal "Financial Times", UBS contesta questa posizione. I legali dell'istituto sostengono che l'intesa non prevedeva alcun livello minimo di ricavi e che il riorientamento di UBS non ha avuto un impatto negativo sulle capacità di Decura di offrire i suoi servizi. La decisione della corte inglese è attesa per fine anno.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS