Navigation

UBS: Ermotti, salario da 12,5 milioni all'anno nel 2019, ma in calo

Il CEO di UBS Sergio Ermotti ha ricevuto oltre 12,5 milioni di franchi nel 2019 (foto d'archivio) KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 febbraio 2020 - 08:51
(Keystone-ATS)

Il CEO di UBS Sergio Ermotti, che lascerà la guida della banca nel corso del 2020, ha guadagnato oltre 12,5 milioni di franchi lo scorso anno. Il suo salario è tuttavia diminuito rispetto ai 14,1 milioni incassati l'anno precedente.

La parte variabile dello stipendio del manager ticinese è calata del 14% a 9,7 milioni, rispetto agli 11,3 milioni del 2018 e agli 11,4 milioni del 2017, si legge nel rapporto annuale del numero uno bancario elvetico pubblicato oggi. Tuttavia, essa deve ancora essere approvata dagli azionisti.

Il presidente del cda Axel Weber nel 2019 ha invece guadagnato 5,2 milioni, rispetto ai 6,0 milioni dell'anno precedente. La remunerazione dell'intera direzione di UBS ha raggiunto i 102,1 milioni di franchi. L'anno precedente, l'importo era di 100,8 milioni.

Questo importo esclude un pagamento di 8,0 milioni di franchi (replacement award) versati al top manager Iqbal Khan, passato lo scorso anno da Credit Suisse a UBS in veste di responsabile della gestione patrimoniale insieme a Tom Naratil. Il suo pedinamento da parte del numero due bancario elvetico è stato al centro della cronaca economica per diverse settimane.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.