Navigation

UBS: FINMA apre procedimento formale dopo buco miliardario a Londra

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 febbraio 2012 - 12:17
(Keystone-ATS)

L'Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA) ha annunciato oggi di aver formalmente avviato un procedimento amministrativo nei confronti di UBS: si tratta di stabilire l'adeguatezza dei controlli messi in atto dall'istituto per prevenire e individuare le operazioni di negoziazione non autorizzate.

Le indagini sono scattate dopo l'arresto a metà settembre di un trader londinese di UBS sospettato di aver causato alla banca svizzera un buco valutato a 2,3 miliardi di dollari. I commissari elvetici sono in stretto contatto con i loro colleghi inglesi della UK Financial Services Authority (FSA), informa un comunicato della FINMA.

Interpellata dalla Reuters UBS ha fatto sapere di essere stata informata degli ultimi sviluppi. In ossequio alle normative legali non può però fornire altri dettagli sul caso. L'istituto promette comunque che migliorerà in tutti i casi i controlli.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?