Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - UBS ha realizzato un utile netto di 2,005 miliardi di franchi nel secondo trimestre 2010, contro una perdita di 1,402 miliardi un anno prima, indica oggi la grande banca in un comunicato. L'utile dei mesi da aprile a giugno è leggermente inferiore a quello del primo trimestre dell'anno, che si era fissato a 2,202 miliardi di franchi.
Le uscite nette di fondi sono rimaste considerevoli, ma inferiori a quelle dei primi tre mesi dell'anno. Si sono fissate a 5,5 miliardi di franchi nella gestione patrimoniale e nel segmento "banca svizzera" (Wealth Management & Swiss Bank) e a 2,6 miliardi di franchi nella gestione patrimoniale americana (Wealth Management Americas). Nel periodo gennaio-marzo 2010 queste uscite erano state rispettivamente di 8,2 e 7,2 miliardi di franchi.
L'utile netto ha ampiamente superato le previsioni degli analisti, che, stando ad un'inchiesta realizzata dall'agenzia finanziaria AWP, avevano stimato 1,1 miliardi di franchi. Rispetto ai primi tre mesi dell'anno, l'utile netto è in calo solo del 9%: un risultato nettamente migliore del concorrente Credit Suisse, che nel periodo aprile-giugno ha registrato un calo dell'utile del 22% rispetto ai primi tre mesi del 2010.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS