Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

UBS ha registrato nel secondo trimestre un utile di 792 milioni di franchi, in progressione del 15% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Gli analisti consultati dall'agenzia finanziaria AWP prevedevano, in media, 715 milioni di franchi.

L'utile ante imposte ha raggiunto 1,22 miliardi di franchi, a fronte dei 1,02 miliardi di un anno prima (+19,4%). I ricavi operativi sono calati del 3,3% a 7,15 miliardi, ma anche in questo le cifre sono superiori alle attese degli esperti, che avevano calcolato profitti ante imposte per 1,05 miliardi e ricavi d'esercizio per 6,95 miliardi.

UBS ha annunciato oggi di aver raggiunto un accordo con la procura di Bochum, in Germania, che indagava su una vicenda di evasione fiscale da parte di cittadini tedeschi, venuta alla luce nel 2012 dopo l'acquisto di un CD contenente dati bancari confidenziali da parte del Land del Nordreno-Vestfalia. Per metter fine alla disputa fiscale la banca verserà 300 milioni di euro (364 milioni di franchi).

In Germania sono comunque in corso altri procedimenti, così come in Belgio e soprattutto in Francia, dove la banca è stata chiamata a versare entro settembre una cauzione di 1,1 miliardi. Per risolvere i contenziosi UBS ha costituito nel trimestre in rassegna accantonamenti per 254 milioni, di cui 120 per la sola vicenda che riguarda la procura di Bochum.

Tali oneri hanno spinto al ribasso gli utili della divisione di gestione patrimoniale, calati nel trimestre in rassegna del 43% a 355 milioni, una performance nettamente al di sotto delle attese. L'unità ha registrato afflussi di denaro per 10,7 miliardi, a fronte dei 10,9 miliardi dei tre mesi precedenti. La crescita si è rivelata robusta nella regione Asia-Pacifico, ma ha accusato una flessione in Svizzera e nei paesi emergenti.

Il segmento della gestione patrimoniale negli Stati Uniti, contabilizzata separatamente, registra un deflusso di 2,5 miliardi di franchi, dopo un afflusso di 2,1 miliardi nel primo trimestre dell'anno. Il calo, secondo la banca, si deve al ritiro di capitali per il pagamento stagionale delle imposte sul reddito. La divisione ha messo a segno un utile ante imposte di 211 milioni (-13%). L'investment banking dal canto suo ha evidenziato profitti ante imposte di 579 milioni di franchi (+36% sul trimestre precedente).

UBS ha inoltre realizzato progressi in materia di fondi propri. Alla fine di giugno il coefficiente patrimoniale Common Equity Tier 1 (CET1) ad applicazione integrale secondo Basilea III ha raggiunto il 13,5%, contro l'11,2% di un anno prima.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS