Navigation

UBS cancella 200 impieghi in Svizzera: critiche Asib

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 giugno 2011 - 15:50
(Keystone-ATS)

L'Associazione svizzera degli impiegati di banca (Asib) deplora il taglio occupazionale deciso "alla chetichella" dall'UBS.

In una nota odierna l'organizzazione rileva che la consultazione è avvenuta nel rispetto della legge, ma che le persone che lavorano nei comparti colpiti sono state informate solo al termine del procedimento, a decisione avvenuta.

L'UBS ha previsto la soppressione di circa 500 posti di lavoro nell'informatica a livello mondiale. In Svizzera saranno cancellati 200 impieghi, aveva indicato ieri la portavoce Evelin Müller, confermando una notizia data lo stesso giorno dalla "Regione Ticino". Il taglio corrisponde al 5-6% del personale informatico della banca, secondo la portavoce.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?