Navigation

UBS ha trasmesso dati di concorrenti ad autorità Usa

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 febbraio 2012 - 21:33
(Keystone-ATS)

Le autorità statunitensi hanno appreso anche tramite informazioni di UBS quali istituti finanziari hanno dato rifugio ai clienti che lasciavano la banca a causa delle indagini - condotte negli Usa - nei confronti di frodatori del fisco. UBS, nel rispetto della procedura di assistenza amministrativa, ha trasmesso i documenti alle autorità svizzere, che a loro volta le hanno consegnate a quelle americane.

Il numero uno bancario elvetico ha confermato queste informazioni al giornale Handelszeitung, che pubblica un articolo in merito domani. Le autorità a stelle e strisce che stavano indagando sulle banche svizzere come Wegelin, Julius Bär e la Banca cantonale di Basilea, oltre a poter contare sulle autodenunce di frodatori, hanno potuto fare riferimento anche alle informazioni di UBS.

Le autorità americane hanno obbligato la banca a fornire queste informazioni nell'ambito della procedura di assistenza amministrativa, ha detto all'ats il portavoce di UBS Serge Steiner. L'istituto di credito inoltre ha seguito gli ordini delle autorità svizzere, ha aggiunto.

Nel rispetto delle disposizioni della Autorità federale di vigilanza dei mercati finanziari (FINMA) e di quelle dell'assistenza amministrativa, UBS ha dovuto trasmettere alle autorità elvetiche la corrispondenze con i suoi clienti nonché le istruzioni di chiusura dei conti.

Stando a UBS queste informazioni erano già note e nel 2011 sono state confermate e rese pubbliche da una sentenza del Tribunale amministrativo federale (TAF).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?