Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Uccisi subito dopo il rapimento: ciò che più temeva Israele è avvenuto. Stasera l'esercito ha ritrovato senza vita i corpi di Eyal Yifrah (19 anni) Gilad Shaar (16) e Naftali Fraenkel (16) nei pressi del villaggio di Halhul vicino Hebron in Cisgiordania dove tutto è cominciato 18 giorni fa.

Di fronte alla notizia Israele ha confermato la sua accusa ad Hamas che - ha detto il premier Benyamin Netanyahu - "la pagherà". Il viceministro alla Difesa Danu Danon ha rincarato: "la fine tragica dei tre ragazzi deve essere anche la fine di Hamas".

Immediata la reazione del movimento islamico: "Ogni offensiva di Israele aprirà le porte dell'inferno", ha dichiarato il portavoce di Hamas a Gaza, mettendo nuovamente in dubbio la versione israeliano del rapimento.

"Chi ha ucciso i tre ragazzi - ha ammonito il premier israeliano - è una belva umana". E la caccia continua ai due presunti responsabili del sequestro, Marwan Kawasmeh e Amar Abu Ayash, entrambi miliziani della fazione islamica ad Hebron e spariti subito dopo il rapimento.

Subito dopo il ritrovamento dei corpi è stata convocata una riunione di emergenza alla quale è seguito il Gabinetto di sicurezza per decidere le misure da prendere. Immediata la decisione di demolire le case dei due presunti responsabili. E anche l'Anp ha immediatamente riunito la direzione palestinese.

In Israele l'emozione è fortissima: per 18 lunghi giorni Israele ha temuto il peggio ma sperato nel meglio. La realtà è ora molto dura. Le prime reazioni non sono da meno: il ministro dell'edilizia Uri Ariel, vicino ai coloni, ha detto che "i terroristi vanno colpiti senza pietà". Sui siti dei coloni sono apparse minacce di vendetta e la polizia sta presidiando i posti dove si teme che le parole diventino azioni. Tutto si è mosso nel tardo pomeriggio: incidenti sono scoppiati nel villaggio di Halhul, vicino ad Hebron, non appena sono state intensificate perlustrazioni condotte da ingenti reparti dell'esercito israeliano impegnati nella ricerca dei tre ragazzi.

Si è capito quasi subito che l'operazione riguardava i tre studenti, ma l'esercito ha imposto il silenzio, come spesso avviene in questi casi. Quasi un'ora dopo la conferma: i tre giovani erano stati trovati morti. Le prime indagini hanno rivelato che sono stati uccisi subito dopo il sequestro, forse poco dopo la telefonata con la quale uno di loro ha avvisato la polizia del rapimento. Ma quella telefonata non è stata presa in considerazione e per questo sono passate ore che sarebbero state invece utili alle ricerche.

L'esercito è stato infatti avvisato con ritardo, dopo che le famiglie hanno informato la polizia che i loro figli - che avevano fatto l'autostop - non erano tornati a casa dalla scuola rabbinica che frequentavano. Il giorno dopo è stata trovata la carcassa bruciata di un macchina Hyundai che gli inquirenti hanno ritenuto collegata al rapimento. Israele ha impegnato una massiccia quantità di soldati per ritrovare i tre rapiti, in un'operazione definita 'Brother's keeper'.

Le madri hanno fatto un appello pubblico per la loro liberazione parlando anche all'Onu a Ginevra e l'intera leadership israeliana è scesa in campo. A cominciare da Netanyahu che ha chiesto al presidente dell'Autorità nazionale palestinese (Anp) Abu Mazen di condannare il rapimento e di troncare i rapporti con Hamas con cui ha appena formato un governo di unità nazionale presieduto da Rami Hamdallah. Cosa che il leader dell'Anp ha fatto pubblicamente.

"Brother's keeper' ha setacciato l'intera Cisgiordania e soprattutto la zona di Hebron. Nelle operazioni, in scontri con l'esercito, sono stati uccisi quattro palestinesi e ne sono arrestati più di 400, molti di Hamas e anche alcuni di quelli che erano stati liberati in cambio del rilascio di Gilad Shalit. Sono state perquisite centinaia di case e smantellate molte istituzioni di Hamas, in una caccia a tappeto per la quale la comunità internazionale ha più volte invitato Israele alla moderazione. Ma tutto è sembrato inutile. Fino al ritrovamento di stasera.

Ad Israele sono giunte manifestazioni di solidarietà da tutto il mondo.

SDA-ATS