Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente della Commissione europea, Josè Manuel Barroso, ha chiamato il presidente russo, Vladimir Putin, per ribadire la posizione europea sulla "necessità di una de-escalation e l'importanza di un cessate-il-fuoco" e discutere la situazione sul negoziato per il gas. In particolare Barroso ha "espresso la speranza - è scritto in una nota dell'esecutivo Ue - che entrambe le parti possano fare sforzi aggiuntivi per raggiungere un accordo duraturo sulla base delle opzioni stabilite dalla Commissione Europea".

Inoltre, parlando della firma dell'accordo di libero commercio con l'Ucraina prevista per il 27 giugno, Barroso ha offerto a Putin "come modo per dissipare qualsiasi preoccupazione" la possibilità di proseguire i colloqui Ue-Russia a livello tecnico, ma anche di "tenere consultazioni a livello politico con la partecipazione dell'Ucraina, come discusso ieri col presidente Poroshenko, allo scopo di discutere gli aspetti applicativi" dell'accordo tra Ue e Kiev.

SDA-ATS