Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La comunità internazionale deve rendere più semplici per i cittadini ucraini le procedure per la richiesta dello status di rifugiato. Questa è una delle richieste che l'assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa rivolge alla comunità internazionale nel rapporto votato questo pomeriggio sulla situazione umanitaria in Ucraina.

Nel testo, per cui hanno votato a favore 140 parlamentari sui 155 presenti in aula, ci sono inoltre richieste precise anche al governo ucraino e a quello russo. L'assemblea chiede innanzitutto a tutte le parti in conflitto di rispettare e mettere in atto gli accordi di Minsk del 4 e 19 settembre 2014. Chiede anche il rilascio e lo scambio di tutti i prigionieri di guerra e di tutte le persone detenute a causa del conflitto.

Le parti devono inoltre assicurare l'accesso immediato e senza ostacoli in tutti i momenti e in tutte le aree del conflitto a chi presta aiuti umanitari o deve condurre inchieste. Al governo ucraino e agli enti investigativi internazionali devono inoltre essere fornite tutte le prove e le informazioni che permettano di indagare sulle accuse di atrocità e violazioni dei diritti umani commesse sul territorio ucraino. Alla Russia invece è richiesto di "astenersi dalla destabilizzazione dell'Ucraina".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS