Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"La Commissione europea ha deciso oggi di prolungare il sostegno finanziario all'Ucraina mettendo a disposizione ulteriori 1,8 miliardi di euro". Lo ha annunciato il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker a Riga dopo l'incontro con il governo lettone che detiene la presidenza Ue di turno.

"Questo prova", ha aggiunto, "che la solidarietà europea non è una vana parola ma riflette la realtà di tutti i giorni, e sono stato contento di vedere che il governo lettone ha applaudito questo gesto".

L'esborso della nuova assistenza macrofinanziaria a Kiev sotto forma di prestiti a medio termine è, come le precedenti, legato alla realizzazione delle riforme.

"Come sempre la solidarietà va mano in mano con l'impegno per le riforme, che sono urgentemente necessarie in Ucraina - ha dichiarato Juncker in una nota diffusa a Bruxelles -. Vogliamo aiutare il governo ucraino a mettere in pratica la sua agenda di riforme e innescare un cambiamento reale per il paese e la sua gente".

In particolare Kiev dovrà proseguire con successo il programma del Fmi e l'attuazione di politiche economiche e finanziarie che la Commissione a nome dell'Ue e il governo ucraino concorderanno in un Memorandum d'intesa. Parlamento e Consiglio Ue devono ora dare il loro via libera alla proposta della Commissione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS