Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il capo dei servizi di sicurezza ucraini (Sbu) Valentyn Nalyvaichenko ha sostenuto che l'operazione anti terrorismo lanciata dall'allora presidente Viktor Ianukovich a febbraio fu di fatto l'organizzazione di omicidi di massa della gente che protestava a Kiev e che l'Sbu attribuisce ora tutta la colpa al vecchio potere.

Nalyvaichenko ha inoltre affermato che ci sono motivi di credere che un gruppo di agenti dei servizi segreti russi (Fsb), 26 in tutto, abbia partecipato alla pianificazione e all'attuazione a febbraio della cosiddetta operazione anti terrorismo a Kiev per reprimere le proteste antigovernative.

I servizi segreti russi smentiscono di essere implicati nelle uccisioni di decine di manifestanti a Kiev lo scorso febbraio: lo riferisce Ria Novosti.

SDA-ATS