Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le truppe di Kiev si preparano a stringere d'assedio le città di Donetsk e Lugansk, capoluoghi delle omonime regioni "separatiste" dell'Ucraina sud-orientale, dopo che nei giorni scorsi hanno riportato il vessillo ucraino in alcune città occupate dai miliziani filorussi, tra cui l'importante centro di Sloviansk, roccaforte dei separatisti.

Lo fa sapere il vice segretario del Consiglio di sicurezza ucraino Mikhailo Koval sostenendo che saranno "adottate delle misure per costringere" i miliziani a "deporre le armi".

Intanto si è appreso dai media che uomini col volto coperto da passamontagna hanno attaccato nella notte Maidan Nezalezhnosti, la piazza Indipendenza nel cuore di Kiev ancora in parte occupata dai manifestanti che hanno portato alla caduta del regime di Viktor Ianukovich e all'ascesa di un governo ucraino filo-occidentale.

Secondo dei testimoni citati da alcuni media ucraini, nella notte sarebbero anche risuonati dei colpi d'arma da fuoco e gli attivisti di Maidan sarebbero stati assaliti da alcune decine di persone, riuscendo però a respingere l'attacco.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS