Circa 2000 persone hanno manifestato oggi nella simbolica piazza Maidan, a Kiev, per chiedere la liberazione di Nadia Sacenko, la pilota ucraina accusata da Mosca di aver fornito le coordinate per i tiri di mortaio che nel 2014 uccisero due reporter russi nel Donbass.

Catturata nel giugno di due anni fa la top gun ha iniziato venerdì lo sciopero della fame e della sete dopo la decisione del tribunale russo di Donetsk di aggiornare al 9 marzo il suo processo. Dalla piazza il corteo si è poi diretto fuori dall'ambasciata russa dove la notte scorsa, secondo quanto riferito dai diplomatici, uomini dal volto coperto e armati di mazze da baseball, hanno lanciato bombe carta e danneggiato tre auto.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.