Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La cancelliera tedesca Angela Merkel ha lanciato un appello al presidente russo Vladimir Putin affinché si assuma la sua "grande" parte di responsabilità per risolvere la crisi ucraina. Lo si legge in una nota diffusa dalla cancelleria.

Putin e Merkel hanno avuto questa mattina un incontro bilaterale di circa un'ora in un albergo di Deauville, in Normandia, poi - presente la stessa cancelliera - il leader russo ha incontrato per la prima volta il neoeletto presidente ucraino Petro Poroshenko.

"La cancelliera ha espresso la sua convinzione, che dopo l'elezione presidenziale internazionalmente riconosciuta (in Ucraina), il tempo debba essere utilizzato per raggiungere una stabilizzazione della situazione, in particolare, nell'est dell'Ucraina. E in questo senso la Russia deve assumersi grandi responsabilità", si legge nel comunicato diffuso dalla cancelleria tedesca. Nel corso dell'incontro, Putin e Merkel "si sono interamente concentrati sulla vicenda ucraina, sulla ricerca di una soluzione", ha detto da parte sua Dmitri Peskov, portavoce del Cremlino, citato dall'agenzia Interfax.

Poco dopo, una fonte dell'entourage del presidente francese, François Hollande, a margine delle celebrazioni per i 70 anni dello sbarco in Normandia, ha affermato che le modalità di un cessate il fuoco in Ucraina verranno discusse "nei prossimi giorni".

SDA-ATS