Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ancora nessun accordo tra Russia ed Ucraina sul prezzo del gas acquistato da Kiev e sul rimborso del debito sul gas, ma le discussioni proseguiranno stasera e mercoledì mattina a Bruxelles. Lo ha annunciato il commissario europeo per l'Energia, Gunther Oettinger.

"Sono state discusse tutte le questioni, sono state proposte soluzioni e le discussioni riprenderanno stasera o mercoledì mattina", ha detto dopo sette ore di difficili negoziati iniziati ieri sera con i rappresentasti delle due parti.

"Ci sono questioni ancora aperte e posizioni differenti. Entrambe le parti devono consultare i loro governi e i loro leader", ha precisato Oettinger.

"Non abbiamo raggiunto un accordo né fatto passi avanti, ma c'è una buona notizia: i negoziati continueranno", ha detto da parte sua il ministro dell'Energia ucraino Yuriy Prodan. "Vogliamo una soluzione globale che regoli le questioni del prezzo del gas e del pagamento del debito, ma non possiamo accettare il meccanismo di calcolo del prezzo proposto da Gazprom: vogliamo un prezzo equo e di mercato", ha spiegato.

Il suo omologo russo Alexander Novak ha detto di aver chiesto il pagamento il 10 giugno di 1,47 miliardi dollari, corrispondenti a fatture dovute per i mesi di novembre e dicembre 2013, e che richiederà anche il pagamento di 500 milioni di dollari per le consegne di aprile e maggio 2014. "La Russia vuole raggiungere un accordo e si mostra costruttiva", ha assicurato.

SDA-ATS