Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In Ucraina "il cessate il fuoco sta complessivamente tenendo anche se resta traballante": lo ha riferito l'ambasciatore svizzero all'Osce, Thomas Greminger, che detiene la presidenza del Consiglio permanente dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa. Intervenendo a una riunione straordinaria dei 57 Paesi membri, a Vienna, il diplomatico elvetico ha avvertito che "i prossimi giorni saranno cruciali".

Venerdì scorso nelle regioni orientali dell'Ucraina è entrato un vigore il cessate il fuoco sottoscritto a Minsk dal governo ucraino e dai rappresentanti dei separatisti filo-russi. Il comando militare di Kiev ha denunciato che nelle ultime ore i ribelli hanno violato la tregua in almeno cinque occasioni, aprendo il fuoco contro postazioni dell'esercito a Nizhnaya Krynka, Zhadonivja, Zolote, Peski e Fashivka.

"L'OSCE farà tutto il possibile per contribuire a dare attuazione alla tregua e accompagnare il Paese verso la pace e la stabilità", ha sottolineato Greminger. A questo riguardo è stato deciso di irrobustire la squadra sul terreno con altri 59 specialisti a cui si aggiungeranno 250 osservatori in via di reclutamento.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS