Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Ucraina: OSCE "tregua vacilla ma tiene, decisivi prossimi giorni"

In Ucraina "il cessate il fuoco sta complessivamente tenendo anche se resta traballante": lo ha riferito l'ambasciatore svizzero all'Osce, Thomas Greminger, che detiene la presidenza del Consiglio permanente dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa. Intervenendo a una riunione straordinaria dei 57 Paesi membri, a Vienna, il diplomatico elvetico ha avvertito che "i prossimi giorni saranno cruciali".

Venerdì scorso nelle regioni orientali dell'Ucraina è entrato un vigore il cessate il fuoco sottoscritto a Minsk dal governo ucraino e dai rappresentanti dei separatisti filo-russi. Il comando militare di Kiev ha denunciato che nelle ultime ore i ribelli hanno violato la tregua in almeno cinque occasioni, aprendo il fuoco contro postazioni dell'esercito a Nizhnaya Krynka, Zhadonivja, Zolote, Peski e Fashivka.

"L'OSCE farà tutto il possibile per contribuire a dare attuazione alla tregua e accompagnare il Paese verso la pace e la stabilità", ha sottolineato Greminger. A questo riguardo è stato deciso di irrobustire la squadra sul terreno con altri 59 specialisti a cui si aggiungeranno 250 osservatori in via di reclutamento.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.