Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Ucraina riprenderà il controllo dell'aeroporto di Donetsk, finito nelle mani dei separatisti dopo 240 giorni di aspri combattimenti che lo hanno ridotto a un ammasso di macerie. Lo ha dichiarato il presidente ucraino Petro Poroshenko attirandosi le ire di Mosca.

Secondo il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, si tratterebbe di una violazione degli accordi di Minsk di febbraio che hanno portato a un fragile cessate il fuoco nel conflitto nel Donbass.

Sempre oggi Poroshenko ha esonerato dalla carica di ambasciatore in Bielorussia Mikhailo Iezhel, già ministro della difesa dal 2010 al 2012 sotto l'allora presidente filorusso Viktor Ianukovich, che lo nominò poi ambasciatore a Minsk.

La Bielorussia sta svolgendo un importante ruolo di mediatore nella crisi ucraina e il presidente filo-occidentale Poroshenko ha dichiarato di dover "tenere conto di questo ruolo in modo da mantenere una presenza permanente dell'Ucraina a Minsk".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS