Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È previsto questo pomeriggio nel palazzo del Parlamento di Kiev l'inizio della prima seduta del tavolo d'unità nazionale organizzato dal governo ucraino per cercare di mettere fine alla crisi politica in atto nel Paese e agli scontri armati tra i separatisti filorussi delle regioni sud-orientali e le truppe fedeli a Kiev.

All'incontro parteciperanno politici nazionali e "di tutte le regioni", esperti, ministri, rappresentanti religiosi e della società civile, due ex presidenti ucraini (non ci sarà il protagonista della Rivoluzione arancione filo-occidentale Viktor Iushenko) e i candidati alle ormai prossime presidenziali del 25 maggio. Non sono però stati invitati i rappresentanti dei separatisti armati, che Kiev bolla come "terroristi".

Ci sarà invece l'uomo più ricco d'Ucraina, Rinat Akhmetov, imprenditore dell'est ed ex finanziatore del deposto presidente Viktor Ianukovich. Akhmetov è stato indicato dal "governatore popolare" dell'autoproclamata Repubblica di Donetsk, Pavel Gubarev, come uno dei finanziatori degli insorti, cosa che l'oligarca ha smentito insistendo di essere per una larga autonomia delle regioni russofone dell'est ma dentro un'Ucraina "unita".

SDA-ATS