Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le forze ucraine stamane hanno ripreso a bombardare Sloviansk e i villaggi vicini. Ma testimoni oculari riferiscono che elicotteri militari ucraini hanno sparato diversi razzi anche contro le postazioni dei ribelli separatisti nell'aeroporto di Donetsk, da loro in precedenza parzialmente occupato.

Unità di paracadutisti sono atterrati nello scalo di Donetsk, ha detto un portavoce militare ucraino, confermando quanto riferito in precedenza da testimoni. "È stata distrutta una postazione antiaerea".

D'altro canto, responsabili dell'autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk, che stamane hanno imposto la legge marziale in tutta la regione, affermano che tre elicotteri ucraini hanno attaccato una fabbrica di macchinari, la Tochmash.

I separatisti hanno anche detto di essere pronti al dialogo con il neo eletto presidente ucraino, Petro Poroshenko, "ma solo con mediatori e un obbligatorio coinvolgimento della Russia". Il capo dei presidii del Consiglio supremo della Repubblica di Donetsk, Denis Pushilin, ha comunque dichiarato di non vedere una possibilità che la regione - dove un controverso referendum a metà maggio ha stabilito l'indipendenza da Kiev - torni a essere parte dell'Ucraina.

SDA-ATS