Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nuovo giro di vite delle sanzioni europee per la crisi Ucraina. Tra le undici persone destinatarie delle nuove misure (divieto viaggi e blocco beni) figurano i leader pro-russi di Donetsk e Lugansk: il premier della repubblica autoproclamata di Donetsk (Rpd) Aleksandr Borodai ed il presidente del Consiglio supremo di Lugansk Alexiei Kariakin. Oltre a loro, il "ministro della sicurezza" della Rpd, Alexandre Khodakovski ed il "vice-premier" Alexandre Aleksandrovich.

Tra gli altri destinatari delle misure ci sono Alexander Khryakov, cosiddetto "ministro dell'informazione e delle comunicazioni di massa della Repubblica popolare di Donetsk"; Marat Bashirov e Vasil Nikitin, rispettivamente premier e vicepremier dell'autoproclamata Repubblica di Lugansk.

Figurano anche i ministri di Interno e Difesa dell'autoproclamata repubblica di Lugansk, Yuri Ivakin, Igor Plotnitsky, il comandante delle forze cosacche della regione di Donetsk Nikolay Kozitsyn e Oleksiy Mozgovy, uno dei leader dei gruppi armati nell'Ucraina orientale, responsabile dell'addestramento dei separatisti alla lotta contro le forze governative ucraine.

Sale così a 72 il totale degli individui sanzionati "per azioni che minano l'integrità territoriale, la sovranità e l'indipendenza dell'Ucraina".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS