Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Ue si sta preparando a cambiare "la base legale" delle sanzioni finora comminate per la crisi in Crimea e colpire quindi non solo gli individui e le società ad esse collegate, ma anche le compagnie russe che hanno rilevato società e aziende confiscate ed espropriate in Crimea. Lo riferiscono fonti diplomatiche Ue.

SDA-ATS