Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le imprese francesi Vinci e Bouygues hanno fatto evacuare ieri 80 operai impegnati nella costruzione di un nuovo scudo protettivo nella centrale nucleare di Cernobyl, in Ucraina.

Motivo: il crollo del muro e del tetto di una sala macchine nell'area del quarto reattore, lo stesso che esplose nel 1986 causando il più grave incidente nucleare della storia.

Secondo quanto ha comunicato oggi l'ente che gestisce il sito, il cedimento non ha nessuna conseguenza sulla radioattività della zona, che rimane invariata.

Il ministero delle Emergenze ucraino sostiene che il crollo non ha interessato il vecchio sarcofago (non più considerato ermetico) che racchiude il tristemente noto quarto reattore nucleare della centrale di Cernobyl e che a causare il cedimento è stata la grande quantità di neve che premeva sul tetto della struttura.

La portavoce della centrale nucleare, Maia Rudenko, ha poi precisato che a crollare è stata una porzione di 600 metri quadri del tetto di una sala turbine, ma che l'area interessata si trova a circa 50 metri dal reattore esploso nel 1986 e che quindi "tutti devono stare assolutamente tranquilli".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS