Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Commissione Ue ha adottato oggi il primo piano d'azione europeo per il settore dell'industria della sicurezza, tuttora troppo frammentato. L'obiettivo è quello di arrivare a un vero e proprio mercato unico per le tecnologie del settore in modo da rafforzarne la competitività sul mercato globale e contribuire al rilancio di crescita e occupazione.

Il mercato ha infatti un valore stimato tra i 26 e i 36,5 miliardi di euro e circa 180'000 dipendenti, e copre diversi settori che vanno dalla sicurezza aerea, marittima e delle frontiere alla protezione delle infrastrutture e l'intelligence antiterroristica.

Negli ultimi dieci anni il mercato mondiale della sicurezza è cresciuto di quasi dieci volte, da 10 a 100 miliardi di euro nel 2011 con un fatturato annuo di 30 miliardi di euro nell'Ue.

"La mancanza di un 'marchio europeo' è particolarmente critica, perchè in futuro i mercati chiave non saranno in Europa ma nei paesi emergenti", ha sottolineato il vicepresidente della Commissione Ue Antonio Tajani nel lanciare il piano per il settore, a cui Bruxelles vuole dare la possibilità non solo di svilupparsi in Europa ma anche di conquistare i mercati emergenti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS