Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'export Ue nel settore dei servizi verso il resto del mondo è aumentato del 29% negli ultimi cinque anni, passando dai 568,7 miliardi di euro del 2010 a 734,8 del 2014, contro un import in crescita del 27%, da 458 miliardi a 583,4. Sono i dati di Eurostat.

L'eccedente commerciale dell'Ue nel settore è costantemente cresciuto tra 2010 e 2013, passando da 110,7 mld a 178,1, prima di scendere a 151,4 mld nel 2014.

Gli Usa sono stati il partner principale per l'export Ue nel 2014 (193,6 miliardi di euro, pari al 26% delle esportazioni extra-Ue), ben avanti rispetto a Svizzera (103,5 mld; 14%), Cina (31,7%; 4%), Russia (28,9 mld; 4%) e Giappone (25,6 mld; 3%).

Anche per l'import gli Usa sono al primo posto (182 mld, 31%) seguiti da Svizzera (65,7 mld; 11%); Cina (22,6 mld; 4%); Giappone (15,3 mld; 3%); Russia (12,4 mld; 2%) e Canada (11,3 mld; 2%).

Viaggi e trasporti sono state le due principali categorie di servizi scambiati nel 2014, pari al 33% del totale delle esportazioni e al 37% delle importazioni.

L'eccedenza commerciale nel 2014 si spiega essenzialmente per le eccedenze dei servizi finanziari (41,7 mld di euro), così come per quelli delle telecomunicazioni, informatica e di informazione (41 mld), mentre si registra un deficit importante sul fronte dell'utilizzo della proprietà intellettuale (-31,8 mld).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS