Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BRUXELLES - La Commissione Ue ha proposto oggi l'abolizione del visto per i cittadini di Albania e Bosnia Erzegovina in possesso di un passaporto biometrico, nell'area di libera circolazione Schengen (tutti gli Stati membri della Ue ad eccezione di Gran Bretagna e Irlanda, più Svizzera, Norvegia e Islanda. "La proposta è il risultato di un duro lavoro, ma non ancora completato" ha detto il commissario europeo per gli Affari interni, Cecilia Malmstrom.
La proposta è infatti condizionata dalla capacità dei due Paesi di soddisfare tre requisiti, principalmente in materia di lotta contro la corruzione e la criminalità organizzata.
"Dare la possibilità di viaggiare senza bisogno del visto rappresenta una pietra miliare della politica di integrazione dell'Ue per i Balcani occidentali" ha aggiunto Malmstrom. "Questa libertà andrà di pari passo con una certa responsabilità", ha puntualizzato. "Incoraggio quindi le autorità nazionali in Albania e Bosnia Erzegovina a continuare ad informare i propri cittadini sui diritti e doveri che comporta il regime di abolizione del visto, valido per un periodo a breve termine".
Secondo la tabella di marcia di Bruxelles, durante l'estate una missione della Commissione europea valuterà se le condizioni in Albania e Bosnia sono state raggiunte, per poi fare rapporto agli Stati membri e al Parlamento europeo, che potrebbero prendere una decisione nel prossimo autunno.
Lo scorso dicembre, l'Ue ha abolito l'obbligo di visto per i cittadini serbi, montenegrini e macedoni.

SDA-ATS